Vince Grillo, ma il Paese è ingovernabile

26 febbraio 2013 di Egidio Morici

Vince Grillo. Non c’è dubbio.

Ma l’Italia va verso l’ingovernabilità più assoluta.
Pd e Pdl hanno perso milioni di voti rispetto al 2008. 
Un quarto degli elettori non è andato a votare, con un crollo di affluenza mai visto dal dopoguerra.
Difficile dire quanti elettori invece abbiano votato in base alle sintesi propagandistiche, anche se è probabile che siano stati tanti.

E ai tanti di questa Italia sempre più povera, sono arrivati i messaggi di superficie, le etichette del prodotto, i titoli cubitali dei giornali: “Devono andare tutti a casa. Un reddito di cittadinanza a chi non ha un lavoro” dice Grillo; “Restituirò l’Imu in contanti” dice Berlusconi; “Smacchieremo il giaguaro” dice Bersani.
Un Bersani così sicuro di vincere a mani basse che, avendo snobbato le altre forze di sinistra, si ritrova il giaguaro vicino al capotavola.
Berlusconi, rispetto alla fine del 2011, quando veniva dato al 7%, ha rimontato alla grande.

Il truchetto del governo tecnico, al posto di andare subito alle elezioni, ha giocato la sua parte nei confronti di un Paese dalla memoria corta e l’odio (spesso giustificato) per le tasse.
Per il “bene dell’Italia”, anche Bersani non volle andare alle elezioni, dando così agli italiani il tempo di dimenticare e al giaguaro quello di allenarsi per la zampata finale.
Adesso dovrà scegliere se aprire a Grillo o fare il governissimo col giaguaro.
Intanto i ragazzi del movimento 5 stelle, sembrano inarrestabili, anche se il loro compito di scardinare un sistema chiuso diventa sempre più arduo.
Oggi, finito il tempo della propaganda, del volantinaggio, delle riunioni per organizzare la visibilità del movimento, gli attivisti dovranno tornare ad essere presenti nelle varie realtà dei singoli comuni, occupandosi dei problemi locali e mettendosi di traverso rispetto alle decisioni amministrative delle singole città.

La vera sfida si vince nei comuni. E al sud è ancora più difficile, specialmente in quelle città dove spesso chi tenta di parlare di mafia, di corruzione, di sprechi e di ambiente, rischia l’isolamento.

In questo senso, se il reddito di cittadinanza non può che trovare tutti d’accordo, nei singoli territori gli argomenti da affrontare dovranno essere certamente altri.
C’è da aspettarsi però che le classi politiche locali vorranno assicurarsi la propria continuità e, per farlo, i mezzi saranno quelli più consolidati: affondare il “nemico” o tirarlo sulla propria barca.

Egidio Morici
FacebookTwitterGoogle+Condividi

Commenti

Copyright © 2014 Castelvetrano 500 firme. All rights reserved.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.