Circa 300 mila euro la rapina dei finti poliziotti alla TNT di Campobello di Mazara

4 novembre 2013 di Egidio Morici

 
Di Egidio Morici – Pettorina della Polizia, passamontagna, pistole. Le auto con i lampeggianti.
Sono le 5,30 del mattino quando 8 rapinatori irrompono nel deposito della TNT di Campobello di Mazara.
“Dove nascondete la droga?” urlano ai dipendenti. Con accento napoletano e palermitano, tra di loro si chiamano “colleghi”, mentre il loro capo si fa chiamare “maresciallo”. Volano anche alcuni schiaffoni. Poi i malcapitati finiscono tutti legati a gruppi di tre con del nastro e i polsi bloccati da fascette di plastica.
Hanno anche un grosso camion, dove caricano tutta la merce dai camioncini della TNT, obbligando un paio di dipendenti ad aiutarli. Prima di andar via, rubano anche qualcosa dagli armadietti personali della struttura.
Sei di loro si allontanano con il grosso camion, mentre altri due rimangono per evitare che qualcuno possa dare l’allarme. Avendo ricevuto rassicurazioni sull’arrivo a destinazione del camion, vanno via anche loro, dopo più di un’ora,  con le auto coi lampeggianti (una Punto e una Panda) che verranno poi ritrovate bruciate a pochi chilometri di distanza.
I dipendenti, circa una quindicina, sono stati interrogati dai Carabinieri fino alle sette di sera.
Il bottino ammonterebbe a più di 300 mila euro. La TNT di Campobello di Mazara è infatti un centro di smistamento di varie merci per l’intera provincia di Trapani: abbigliamento, pezzi meccanici e perfino articoli da gioielleria.
Prima di allontanarsi, facendo perdere le proprie tracce, avrebbero detto ai dipendenti: “Scusate, non ce l’abbiamo con voi, c’è crisi”.
FacebookTwitterGoogle+Condividi

Commenti

Copyright © 2014 Castelvetrano 500 firme. All rights reserved.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.