Lavoratori Despar presidiano il Comune: “Nessuna occupazione, il sindaco ci ha accolti”

27 febbraio 2014 di Egidio Morici

Non è una vera e propria occupazione dell’aula consiliare del Comune. Quella dei lavoratori della Gruppo 6 Gdo è invece una richiesta ben accolta dal Sindaco di Castelvetrano, che ha voluto mostrare in questo modo la solidarietà dell’amministrazione comunale, accordando anche un presidio permanente che prevede la presenza dei lavoratori in sala consiliare nei prossimi giorni, nel rispetto degli orari di apertura e chiusura.

Sono gli operai del gruppo che era di Giuseppe Grigoli, condannato per mafia in via definitiva. L’azienda, se non si concluderà la trattativa col gruppo interessato alla gestione e poi all’acquisizione entro il 17 marzo, verrà messo in liquidazione, con quasi duecento persone che perderanno il lavoro. 
Stamattina un buon gruppo di dipendenti ha presentato una lettera, che anche lo stesso sindaco Felice Errante ha poi sottoscritto,  in cui viene denunciata la scarsa attenzione dei media nazionali, col timore che si voglia arrivare in silenzio proprio alla chiusura e ai licenziamenti.  
Nella lettera si chiede espressamente aiuto alla Cgil di Castelvetrano, al sindaco, al vicesindaco  e a tutti coloro che si sono occupati della loro delicata situazione. Dal preside Fiordaliso ad Antonio Ingroia, dalla senatrice Orrù a Beppe Lumia e alla Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia Europea Sonia Alfano.
“Schierarci apertamente insieme a loro – si legge – che hanno dimostrato di avere il coraggio di denunciare le ingiustizie e i soprusi degli arroganti, perché solo così possiamo riscattare la nostra dignità e dimostrare quello che effettivamente siamo”.

Egidio Morici
www.500firme.it

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Commenti

Copyright © 2014 Castelvetrano 500 firme. All rights reserved.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.