[VIDEO] Caso Despar. Il vertice di Sonia Alfano a Castelvetrano: la rabbia dei lavoratori e le prospettive

5 marzo 2014 di Egidio Morici

 
Sonia Alfano fa incontrare per la prima volta l’Agenzia dei beni confiscati, l’amministratore giudiziario e i lavoratori del Gruppo 6 Gdo. Presenti anche Beppe Lumia, Antonio Ingroia, il vescovo di Mazara Domenico Mogavero, il sindaco di Castelvetrano Felice Errante e i sindacati.
Per la prima volta, tutti i lavoratori hanno potuto parlare in modo diretto con l’Agenzia nazionale dei beni confiscati e con l’amministratore giudiziario Nicola Ribolla.
Non sono mancati momenti di tensione, anche se l’incontro sembra essere stato particolarmente apprezzato dagli stessi dipendenti, soprattutto in termini di visibilità, vista anche la presenza di TV nazionali. Una ricerca di visibilità tenacemente inseguita dagli stessi lavoratori che, poche settimane fa, avevano contattato tra gli altri la stessa Sonia Alfano, in visita a Castelvetrano per una conferenza sulla mafia.
Quest’ultima, il senatore Lumia, il commissario Ingroia e il sindaco Errante si rivedranno la prossima settimana nella sede di Palermo dell’ Agenzia nazionale per i beni sequestrati e confiscati, in modo da conoscere il contenuto delle proposte di acquisto della Gruppo 6 Gdo che – come ha detto il prefetto Laganà – saranno formalizzate il 6 marzo.
Egidio Morici
FacebookTwitterGoogle+Condividi

Commenti

Copyright © 2014 Castelvetrano 500 firme. All rights reserved.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.