[VIDEO] Sotto la casa del torturatore di cani. Fuccelli, Rizzi e le forze dell’ordine

4 maggio 2014 di Egidio Morici

Arresto Fuccelli

 

Arresto RizziArresto RizziArresto RizzittArresto Fuccellitt

 

 

 

Immagine anteprima YouTube

Di Egidio Morici – Chi ha bastonato ripetutamente il pitbull a Trapani, spegnendogli anche le sigarette in testa, oggi ha un nome. Si chiama Francesco Danese. E’ nei manifesti insieme alla foto del cane maltrattato. C’è scritto Francesco Danese, in galera subito.

Ma la protesta di Enrico Rizzi e Stefano Fuccelli del Partito Animalista Europeo ha avuto un epilogo inatteso: entrambi sono stati portati via dalla polizia e il presidente Fuccelli è stato denunciato per “lesioni personali aggravate”. A far salire la tensione alle stelle è stato il passaggio di Giuseppe Vultaggio, amico del Danese, che è stato subito riconosciuto anche da Rizzi. Secondo il segretario del Pae, fu lui a fornire il pitbull al pregiudicato trapanese di via Libertà, affiancandolo durante le torture. Come era prevedibile gli animi si sono surriscaldati e il Vultaggio è caduto a terra (subito rialzatosi) dopo essere stato spintonato dal corpulento presidente del Pae.

Polizia, Carabinieri, Vigili Urbani e Digos, presenti alla manifestazione, sono subito intervenuti portando via entrambi gli animalisti del Pae e il Vultaggio.

 

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Commenti

Copyright © 2014 Castelvetrano 500 firme. All rights reserved.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.