[VIDEO] Petra Reski a Selinunte per GEO International Magazines

14 maggio 2014 di Egidio Morici

 

 

Immagine anteprima YouTube

 

Di Petra Reski – Appena tornata da Palermo e dal sudovest della Sicilia, che parrebbe una tappa romantica del Grand Tour, la ragione per la quale in effetti si rimane stupiti dal fatto che qui non si incontrano eleganti inglesi aristocratici, bensì turisti con cappellini da baseball e zaini.

Selinunte mi ha sbalordito.
Anche se ho trovato bello tutto questo:  le colonne dei templi (tirate su nel 1958, messe in sicurezza con cemento e ferro), le erbacce (bellissime, dai toni viola),  i cani randagi, la sensazione di essere “fuori dal tempo”.
Fa drizzare i capelli agli archeologi e ai protezionisti del patrimonio monumentale il fatto che Selinunte sia uno degli innumerevoli beni culturali a rischio in Italia, trovandosi incluso nella lista rossa dell’associazione di salvaguardia culturale “Italia Nostra”.

Il sito archeologico e gli scavi di Selinunte giacciono sul territorio di due comuni: Castelvetrano e Campobello di Mazara. Castelvetrano è famosa non per la sua vicinanza a Selinunte, ma per Matteo Messina Denaro, il boss mafioso più ricercato d’Italia, cresciuto qui ed oggi il numero uno di cosa nostra. Messina Denaro è latitante dal 1993, l’anno degli attentati di mafia da lui organizzati a Roma, Milano e Firenze. Ai suoi prestanomi sono stati sequestrati recentemente 3,5 miliardi di Euro. E il Comune di Campobello di Mazara è stato sciolto nel 2012 per infiltrazioni mafiose. Beh si. Giusto per dire, en passant.

Per chi vive a Castelvetrano ovviamente non è così bello sentirsi sempre addosso l’etichetta di “Città di Matteo Messina Denaro”. Forse anche per questo, Matteo Messina Denaro ha disposto che non si dovesse estorcere il pizzo nella sua città natia. E poi si dice che un boss mafioso non abbia “cuore”.

A Castelvetrano qualcuno che ne scrive nel suo blog c’è. E’ Egidio Morici. Quando era bambino, la visita a Selinunte si chiamava così: “Andiamo a vedere i pezzi”.

 

 

FacebookTwitterGoogle+Condividi
, ,

Commenti

Copyright © 2014 Castelvetrano 500 firme. All rights reserved.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.