Caso Despar, le assicurazioni dell’Agenzia. Sciopero sospeso ma rimane lo stato di agitazione

18 luglio 2014 di Egidio Morici

 

Anselmo Gandolfo, Gaspare Giaramita e i lavoratori della Logicom

 

Di Egidio Morici – Pochissimo tempo dopo la comunicazione di sciopero da parte dei lavoratori Logicom del supermercato Despar, all’interno del centro commerciale Belicittà, arrivano già le prime rassicurazioni dell’Agenzia dei beni confiscati, sull’accordo tra la Grigoli Distribuzione e la Esse Emme.
È stato infatti firmato il decreto operativo per assegnare alla Grigoli Distribuzioni la possibilità di gestire tutti i punti vendita del centro commerciale, dai negozi esterni al supermercato centrale.

Dalla settimana prossima dovrebbe essere quindi possibile stipulare i contratti. È questa l’assicurazione che la dottoressa Manzo ha dato telefonicamente a Gaspare Giaramita della Cgil di Castelvetrano. Il percorso sarebbe quindi già avviato.

Ma la diffidenza dei dipendenti rimane e, dopo un’estemporanea riunione alla presenza di Giaramita e del segretario provinciale della Filcams Cgil, Anselmo Gandolfo, i lavoratori hanno scelto di sospendere lo sciopero mantenendo però lo stato di agitazione. Ciò permetterà loro, in caso di ulteriori stalli o nuove lungaggini, di ritornare in sciopero senza alcun obbligo di preavviso.

 

 

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Commenti

Copyright © 2014 Castelvetrano 500 firme. All rights reserved.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.