CASTELVETRANO . SUCCESSO PER LA SFILATA DI MODA ITALO-ARABA

30 settembre 2014 di Egidio Morici

 

 

Grande merito per il carico di emozioni e la bellezza a cui i tanti cittadini belicini hanno avuto modo di partecipare ed assistere domenica sera a Castelvetrano durante la sfilata di moda italo-araba, fortemente voluta dall’associazione Yalla di Campobello di Mazara (TP), sposata ed accolta dall’amministrazione comunale e da tanti “attori” che hanno voluto credere e far la propria parte in un progetto di crescita culturale, attraverso l’integrazione tra le culture di due popoli, quello italiano e siciliano in particolare e quello arabo e tunisino in particolare; il tutto all’interno di un momento storico in cui Castelvetrano è testimone di un innovativo processo rivoluzionario di avanzamento culturale, dettato dalla contingenza del triste momento storico per l’economia italiana e cittadina e la presa di consapevolezza che esiste un solo modo per superare questo momento e si basa sull’unione delle forze, delle risorse, delle energie e delle idee.

 
Castelvetrano, da secoli crocevia di popoli e di cultura si riscopre capofila della necessità d’integrarsi, di lasciare in cantina rancori, odi, di uscire dai confini dell’io, dai personalismi e di unire le forze; da qui la nascita di un nuovo modello culturale, innescato dalla nascita dell’associazione Castelvetrano Shopping che sceglie, attraverso l’esempio, di mostrare un ‘nuovo modo di fare’ attraverso un motto già storico “Uniti si può , per la gente tra la gente”, avviando una nuova collaborazione tra privato e pubblica amministrazione, non più per fini ed interessi di pochi ma per far rinascere una città, un territorio – quello belicino – attraverso iniziative di tipo culturale, sociale e certamente anche economiche ma volte a valorizzare tutti, la gente appunto con le proprie differenze che sono ora viste come risorse per tutti.

 
In questa premessa s’inserisce l’idea di Yalla, grazie anche all’intuizione di Giovanni Vincenzini e la sua G Eventi che nel ruolo di direttore artistico della serata, non ha esitato a chiedere collaborazione alla sua città, al Belice e non solo. “Distinguere le professionalità dai personalismi per raggiungere un bene comune all’insegna di una cultura di collettività” dichiara Vincenzini mentre parallelamente sentiva il dovere di “ringraziare i tanti che hanno creduto alla città “.

 
Consequenziale la partnership con Castelvetrano Shopping, la Pro Loco, associazioni come Distretto Belice, Salvagente, commercianti e sponsor con in testa Mary Moda e l’atelier Mary Sposa che ha incantato con le nuove collezioni primavera-estate 2015 i presenti, i media partner, gli artisti, le splendide modelle ed i modelli che hanno sfilato, il Comune di Castelvetrano …tutti, insomma, hanno voluto essere attori e fare la propria parte in questo processo.

 

Vito D’Antoni a presentare la serata, col supporto della splendida Tiziana Marrone. Un successo che ha portato il Console a Palermo della Repubblica Tunisina Farhat Ben Soussi, ospite d’onore,a dire parole che devono far riflettere: “Quello che hanno realizzato in pochi mesi – riferendosi all’associazione Yalla – non é stato fatto da nessuno per anni” auspicandosi in una periodicità dell’evento negli anni a seguire e fornendo la sua piena disponibilità a collaborare.
Grazie dunque alla presidentessa dell’associazione Yalla, Maria Grazia Giambanco ed alla sua interfaccia araba Naziha Tahar lasciando a loro quello che il loro motto che adottiamo “Il mondo di Yalla non ha differenze”.
Un ringraziamento particolare ad Ino Mangiaracina per la cortese concessione di alcune foto

 

Comunicato Stampa

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Commenti

Copyright © 2014 Castelvetrano 500 firme. All rights reserved.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.