RetroGamExpò . Antonio Bonanno e le console anni ’70 e ’80.

12 novembre 2014 di Egidio Morici

 

 

Antonio Bonanno Retrogame

Nostalgia e divertimento al “Retrogamexpò”, organizzato domenica scorsa in un luogo che da un po’ in città ospita la cultura in ogni sua forma: fotografia, pittura, musica, recitazione, poesia… Si tratta del Cafè Retrò. In questo caso il nome calza proprio a pennello. Questa volta l’ospite era il gioco, quello degli anni ’70 e ’80, quando al posto delle moderne play station tridimensionali, c’era “PONG”. Si collegava una console al televisore e si giocava con una pallina quadrata, in due (a volte anche in quattro), con in mano un controller e una rotellina per spostare le “racchette”.

 

“Per la prima tappa del Retrogamexpò – afferma Antonio Bonanno, raffinato cultore, esperto e collezionista del settore – ho cercato di ricreare, anche se in minima parte, le atmosfere degli anni in cui nei bar ci si incontrava per sfidarsi a Pong. L’esperimento è riuscito. Vedere sin dalla prima mattina i ragazzi e chi negli anni ‘70 era a sua volta ragazzo, avvicinarsi timidamente alla console per provarla o per riprovare le vecchie emozioni, mi ha reso davvero felice. Il torneo ha poi fatto egregiamente il suo dovere, ovvero mettere a confronto diverse generazioni. Oggi spesso i videogame isolano il giocatore, a volte si è in contatto solo tramite un auricolare e un microfono e a gioco finito ci si ritrova nuovamente da soli. Quello che è successo al Retrogamexpò invece è stato l’esatto contrario. La mostra di console anni ‘70 e ‘80, sfidarsi a PONG, conoscere nuove persone, dare spazio alla nostalgia e ai racconti, tutto questo è servito per stare vicini. Il risultato è stato eccezionale ed ha gettato le basi per pensare di continuare il percorso iniziato proprio con lo storico gioco Pong!”

 

pong2

“Giocare coi videogiochi potrebbe magari essere considerato qualcosa che abbia poco a che fare con la cultura – ha sottolineato Antonio Clemente, poliedrico artista proprietario del Cafè Retrò – ma in questo caso siamo davanti ad un mondo che ha fatto la storia dell’aggregazione e della spensieratezza dei ragazzini degli anni ’70 e ’80, oltre a segnare, a loro modo, il progresso tecnologico contemporaneo. Ecco, vedere un papà che gioca a Pong col proprio figlio è stato davvero molto curioso. Antonio Bonanno ha esposto, a partire dalle 8.30 del mattino, una parte della sua collezione privata di console videogame Pong, e alcune locandine pubblicitarie del famoso gioco degli anni ’70. Durante l’arco della giornata, clienti, curiosi e appassionati hanno avuto modo di giocare a Pong grazie ad un apposito angolo videoludico con televisore e console e, in serata, si è svolto anche un avvincente torneo di Pong con 16 concorrenti entusiasti di ogni età (torneo vinto dal mazarese Filippo Mangiaracina). E’ stata un’esperienza emotiva, coinvolgente e un evento culturale interessante che, con tutta probabilità, avrà ulteriori edizioni.”

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Commenti

  1. Simone scrive:

    Peccato che ci sono troppi chilometri nel mezzo sennò ci sarei venuto di sicuro. Grande Antò. ☺️

  2. massimo scrive:

    bellissima partita con antonio bonanno .. peccato che mi ha battuto :)
    adesso voglio la rivincita a pong 😉
    a presto amico mio :)

  3. Antonio Bonanno scrive:

    Grazie ! Simone ci saranno altre occasioni, magari piu vicino a te dai 😉
    Massimo grazie per la partita…e per avermi fatto vincere 😀 per la rivincita non ci sono problemi… un paio di gettoni e la sfida inizia

Copyright © 2014 Castelvetrano 500 firme. All rights reserved.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.