Il consigliere Martino nelle intercettazioni: “Grigoli è stato furbo”.

12 dicembre 2014 di Egidio Morici

 

Martino

 

Di Egidio Morici – C’è una Volkswagen Golf che procede lentamente per via Rossini a Castelvetrano. E’ il 4 luglio del 2013. Sono quasi le undici di sera.

Dentro ci sono due amici. Uno è Calogero Giambalvo, che sarà arrestato nell’operazione Eden 2 dello scorso novembre, poco tempo dopo il suo ingresso in consiglio comunale (da primo dei non eletti col Fli, poi passato ad Articolo 4).  L’altro è Francesco Martino, in consiglio comunale dal 2012: tra i più votati, nonostante l’assenza di esperienza politica  (con l’Udc, poi passato ad Articolo 4).

 

Si tratta delle intercettazioni dell’operazione Eden2, in cui Martino aveva già ricevuto le confidenze del Giambalvo sul “commovente” incontro di quest’ultimo con il superlatitante Matteo Messina Denaro.

Aveva anche ascoltato la storia sul mancato arresto di Francesco Messina Denaro, padre di Matteo, proprio quando lui andò a trovarlo e dopo i primi saluti gli dissero di scappare via.

GIAMBALVO: […] loro (i Messina Denaro, ndr) di colpo chiudono il portone, minchia s’arricugghieru (sono arrivati, ndr) 1000 sbirri, Ciccio!

MARTINO: Non l’hanno trovato a lui?

GIAMBALVO: Non l’hanno trovato! Ti giuro, che non devo vedere i miei figli, io ho fatto tutta la via, da Castelvetrano a Zangara a piangere, mi sono detto lo hanno arrestato, io ho fatto tutta la via a piangere, vedi che ti giuro sopra i miei figli che lo avevo lasciato là mentre ci baciavamo.

MARTINO: Non ci sono arrivati a trovarlo?

GIAMBALVO: Non lo hanno trovato!

MARTINO: Meno male!

 

Aveva anche ricevuto la confidenza su quel centro commerciale “Aventinove” (che non fu più realizzato) dietro il quale, secondo lo stesso Giambalvo, ci sarebbe stata la longa manus del superboss  e di Grigoli (re dei super mercati Despar condannato in via definitiva per mafia) in modo da mandare in crisi Belicittà (già sequestrato allo stesso Grigoli) al momento in amministrazione giudiziaria. Giambalvo è certo: “Castelvetrano che è posto di due centri commerciali, Ciccio?”.

 

Ma, confidenza per confidenza, anche Martino ha qualcosa da dire all’amico Giambalvo. E riguarda proprio Giuseppe Grigoli.

 

MARTINO: Si ma Grigoli ha tutti terreni comperati carissimi, ma tu lo sai perché li ha carissimi eehh? Perché veniva da me, per dire io gli vendevo il terreno duecentomila euro e lui diceva: “Ci devi mettere trecentomila euro, ti do trecentomila euro e poi centomila euro me li torni”.

GIAMBALVO: Mmhh.

MARTINO Hai capito? E così si è levato un paio di miliardi che ha conservati, lui penso che lo sapeva che faceva questa fine… fu spertu (è stato furbo, ndr) perché ha imbrogliato a tutti, perché anche se gli hanno fottuto il centro commerciale, gli hanno fottuto tutte cose, ha messo di lato almeno… (viene interrotto da Giambalvo)

GIAMBALVO: Lui (Grigoli, ndr) ha altri due centri commerciali ha dentro… liquidi

MARTINO: Si, bravo! Lui ha dentro almeno due miliardi, tre miliardi, di più, perché ha comprato un terreno ottocentomila euro e quelli dice, ma allora dice noi trecentocinquantamila euro non lo abbiamo voluto questo terreno i vicini… uno che… ora dice vogliono ottocento, ma come mai? Gli ho detto perché quello lo ha comperato ottocento. Come lo ha comperato ottocento, dice, se trecentocinquanta non è…

GIAMBALVO: Eehh

MARTINO: Non è

GIAMBALVO: Non lo hanno voluto

MARTINO: Non lo abbiamo voluto noi, minchia praticamente ci ha messo il doppio, lì si è fregato quattrocentomila euro. E’ lo stesso che viene uno, dice “mi ci devi mettere trecentomila, io ti do trecentomila e poi mi torni centocinquanta”.

 

Chiaramente, ricordiamo che il consigliere Martino è assolutamente estraneo alle rilevanze penali sull’ultima operazione del novembre scorso.

Da tempo infatti ha sottolineato in una nota:

Rimane il mio impegno contro ogni forma di organizzazione criminale e mafiosa, prendendo altresì le dovute distanze da qualsivoglia atteggiamento mafioso e di violenza in genere”, evidenziando appunto di essere totalmente estraneo “su tutte le questioni emerse in questi giorni, fugando altresì ogni possibile dubbio contro le strumentalizzazioni politiche a mio carico”.

FacebookTwitterGoogle+Condividi
, , ,

Commenti

Copyright © 2014 Castelvetrano 500 firme. All rights reserved.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.