[Tradizioni di Sicilia] La storia di lu figghiu proricu

29 dicembre 2014 di Egidio Morici

 

il figlio prodigo

 

 

Di Vito Marino – A causa dell’analfabetismo quasi completo della popolazione, specialmente dei contadini, molte storielle, per tramandarsi oralmente da padre in figlio si poetavano. Fra gli stessi contadini c’erano molti poeti che sapevano improvvisare in rima interi discorsi. La stessa Chiesa, per trasmettere la liturgia e la Bibbia alla popolazione, trascriveva certe preghiere in rima baciata per essere più facilmente assimilata. Inoltre le chiese erano tappezzate di quadri e statue raffiguranti i Santi e la loro vita. Per lo stesso motivo le chiese dei Cristiani Ortodossi sono tutte dipinte di dentro e di fuori con la storia del Vecchio e Nuovo Testamento.

Una volta, forse fino agli anni ’50, il giorno del Giovedì Santo, in chiesa si cantava la storia “di lu figghiu prodicu”.

 

– Gnuri patruzzu iu mi nni vogghiu iri

mi vogghiu gudìri la me libirtà -.

– Te, figghiu me, teccà ‘sti dinari

vattinni a scialari cu l’amici to -.

Scinni li scali cu prescia e primura

l’amici allura l’aspettanu dda.

– Amici amici allegramenti

sunamu strumenti dinari cci nn’è -.

nta iochi e scializzi fineru li sbrizzi

e di dinari nun ci nn’è cchiù.

Quannu l’amici lu vittiru nuru

lu lassaru sulu nta chidda cità

– Amici mei picchì mi lassati

m’abbannunati picchì ‘un aiu cchiù.-

Iddu si misi ‘na canna a li manu

comu un minnicu addumannari va.

–  Signuri e patruni vuliti un garzuni?

cci rati ‘na gnuni e un pezzu di pani-.

– E si tu figghiu cu mia vo stari

agghiannari di porci ti dugnu a manciari.-

Supra ‘na petra si misi assittatu

pinzannu a la casa di lu patri so.

Comu è possibbili, possibili è

manciari agghiannari un figghiu di re?

Supra un scaluni si misi a pinzari,

a lacrimari un figghiu di re.

-Avia un patruzzu ch’era tantu benignu,

ora nun sugnu dignu, nun lu meritu cchiù!

Siddu ci vaiu, iddu mi castìa,

mi vastunìa, nun ci vaiu cchiù.-

Pi ghiri a viriri a so patri divinu

cu granni pietàti si misi ‘n camminu.

Lu so patruzzu affacciatu o’ barcuni

a lacrimari: me figghiu dunn’è?

Quannu lu vitti allura spuntari

si misi a gridari di cca e di dda.

Dissi a li servi di priparari un bagnu

priziusu e finu, ch’è sangu divinu

avi sangu nobili, ch’è figghiu di re.

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Commenti

Copyright © 2014 Castelvetrano 500 firme. All rights reserved.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.