[Tutte le foto] Parco archeologico di Selinunte, ecco cosa c’è sotto

15 febbraio 2015 di Egidio Morici

 

Manuzza 2015

 

Di Egidio Morici – Sono lì almeno dal 2005. Abbandonati e mai rimossi dal parco archeologico di Selinunte, il più grande d’Europa, candidato a far parte del patrimonio mondiale dell’Unesco. Si tratta di rifiuti edili in zona “Manuzza”, ormai ricoperti dall’erbaccia, a formare dei dossi innaturali.

 

Oggi, all’interno del parco si vuole seminare il grano di Tumminia del tipico pane nero di Castelvetrano. Un’ottima idea che accomunerebbe due eccellenze del territorio in un’unica vetrina, ma che rischia di diventare improponibile senza un intervento di bonifica del terreno (a prescindere dalla vicinanza della zona di semina) che, in verità sarebbe dovuto avvenire più di dieci anni fa.

 

Chi ha abbandonato quel materiale di risulta?

Perché non è stato ancora rimosso, dopo più di dieci anni?

 

Difficile che nessuno dei responsabili del parco si sia accorto di nulla.

Come ha detto quel custode nel servizio di Gaetano Pecoraro su La7, è stata preferita l’omertà?

 

Pubblichiamo di seguito le foto del luogo interessato, scattate nel 2005 e nel febbraio del 2015.
 

Parco archeologico Manuzza 2005_UNO

 

Parco archeologico Manuzza 2005_DUE

 

PArco archeologico Manuzza 2005_TRE
 
Parco archeologico Manuzza 2005_QUATTRO
 
Parco archeologico Manuzza 2005_CINQUE
 
Parco archeologico Manuzza 2005_SEI
 
Parco archeologico Manuzza 2005_SETTE
 
Parco archeologico Manuzza 2015_UNO
 
Parco archeologico Manuzza 2015_DUE
 
Parco archeologico 2015_TRE
 
Parco archeologico 2015_QUATTRO

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Commenti

Copyright © 2014 Castelvetrano 500 firme. All rights reserved.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.