Sonia Alfano: “Provenzano voleva collaborare”

13 luglio 2016 di Egidio Morici

 

provenzano

 

Bernardo Provenzano è morto.

Riportiamo il punto di vista di Sonia Alfano.
 
“Io l’ho conosciuto e ho parlato con lui diverse volte. Era un carnefice e spero che, almeno prima di morire, abbia chiesto perdono alle sue vittime. Ieri tutti gli italiani si sono riscoperti ingegneri ed esperti di treni. Oggi saranno tutti esperti di mafia e trattativa. Una cosa però è certa, Provenzano voleva collaborare e me lo disse in almeno due occasioni. E dopo questa ammissione cominciò a precipitare il suo quadro clinico con cadute molto misteriose. Oggi lui si porta nella tomba tanti segreti e qualcuno può continuare a dormire sonni tranquilli. La missione è stata portata a termine con successo.

Oggi ho rilasciato diverse interviste sulla morte di Provenzano. E regolarmente, subito dopo le mie affermazioni, i miei intervistatori mi facevano notare che le mie erano dichiarazioni molto forti. Ciò che ho dichiarato è esattamente questo: nessun familiare delle vittime di mafia esulterà per la morte di Provenzano perché solo i mafiosi esultano. Noi siamo diversi. Chi oggi ha esultato appartiene a pezzi deviati dello Stato. Quegli stessi pezzi dello Stato che hanno mandato a morire magistrati e forze dell’ordine in cambio della vita di delinquenti travestiti da ministri o presidenti del Consiglio. Ho infine detto che Provenzano mi aveva espresso la possibilità di collaborare con lo Stato e che dopo il penultimo colloquio lo trovai con il volto tumefatto e punti di sutura sull’arcata sopraccigliare. Lo stesso Provenzano, in dialetto, mi disse che non era la prima volta che veniva picchiato. E fu ridotto allo stato vegetativo per non parlare e raccontare i misfatti e i retroscena della trattativa.”

 

Immagine anteprima YouTube
FacebookTwitterGoogle+Condividi

Commenti

  1. Capitano. scrive:

    Perché lo dice solo adesso, e non quando lo ha incontrato ultima volta?…..
    Poteva dirlo tramite lo stesso blog che ha utilizzato per questa breve e inopportuna intervista…..

Copyright © 2014 Castelvetrano 500 firme. All rights reserved.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.